mercoledì 15 ottobre 2008

Piano Strategico dei Nebrodi: approvata la bozza finale


Il 31 ottobre il forum conclusivo e il progetto sarà consegnato all’Assessorato Regionale alla Programmazione per l’approvazione


Prende corpo il Piano Strategico dei Nebrodi, definiti gli organismi e le modalità della governance. Domenica pomeriggio numerosi sindaci dei Comuni del Piano Strategico hanno partecipato, presso l'Oasi Maria SS. ONLUS di Troina, presieduta da Padre Luigi Ferlauto, al seminario tecnico per studiare ed esaminare il progetto definitivo della Governance che dovrà essere sottoposto, entro il 31 ottobre, al forum conclusivo e all'Assessorato Regionale alla Programmazione per l'approvazione finale.

Nel corso dell'importante assise sono stati definiti all'unanimità tutti gli aspetti organizzativi della nuova progettualità denominata: "Città aperta dei Nebrodi".

Tra gli altri erano presenti il Commissario dell'Ente Parco, Antonio Ceraolo, il direttore, Massimo Geraci, i tecnici Giuseppe Contiguglia, Franco Cavallaio e Benedetto La Macchia.


Stabilito dunque il ruolo del consiglio territoriale le cui determinazioni verranno assunte a maggioranza semplice dei presenti con la possibilità di ogni votante di ricevere una delega. Deliberato inoltre la costituzione di un ufficio di presidenza che supporterà il rappresentante del Piano Strategico con delega operativa e il cui ruolo è stato affidato al Comune di Sant'Agata Militello, ente capofila.


L'ufficio di presidenza sarà composto da 4 macroaree rappresentate da Sant'Agata Militello, Troina, Capo d'Orlando, Mistretta, l'Ente Parco dei Nebrodi e dai rappresentanti delle 3 province, Messina, Catania ed Enna.

Previsto anche un Comitato Etico presieduto da Padre Luigi Ferlauto e da altri componenti esterni che avranno il potere di intervenire in caso di incongruenza delle azioni operative con la missione propria del Piano Strategico.


La struttura sarà ancora articolata con l'organizzazione dell'Ufficio territoriale del Piano, si tratta di un organismo tecnico, coordinato dall'ing. Massimo Geraci, in qualità di Direttore del Parco dei Nebrodi e dall'Ing. Giuseppe Contiguglia, dirigente del Comune di Sant'Agata Militello.


L'ufficio di staff coordinerà il tavolo dei tecnici e dei ragionieri capi, dei comuni e il tavolo dei musei, come elemento di identità dei Nebrodi.

Il forum del partenariato coinvolgerà tutti gli organismi produttivi e di categoria, da confindustria, alle organizzazioni sindacali, il forum dei capi gruppo che metterà in rete i sindaci con l'intera amministrazione per una proficua attività di sviluppo territoriale.


I gruppi di lavoro sono costituiti dai soggetti del partenariato attivo e si avvarranno delle competenze di esperti in programmi complessi e riqualificazione urbana, economia territoriale, sociologia urbana, procedure amministrative e ordinamento degli enti locali, facilitazione di progettazione partecipata, comunicazione, economia del territorio.


Complessivamente il territorio oggetto della pianificazione strategica coinvolge 40 comuni più l'Ente Parco dei Nebrodi e abbraccia le tre province di Messina, Catania ed Enna.

La partecipazione nella Pianificazione Strategica è uno strumento per favorire l'innovazione, il negoziato ma anche una strategia che serve a risvegliare il senso di appartenenza alla comunità, al territorio, a far accrescere il senso civico e costruire nuovo capitale intellettuale, sociale e politico.


Scaturito dalla necessità di rafforzare la capacità strategica del territorio dei Nebrodi, che nella fattispecie rappresenta l'area ad alta potenzialità turistica localizzata a cavallo e lungo la costa tra le province di Messina e Palermo.


"Comincia a prendere corpo la grande regione dei Nebrodi – ha detto il sindaco di Sant'Agata Militello Bruno Mancuso – L'importanza del Piano non solo come strumento di programmazione urbanistica e ambientale, ma soprattutto come una grande rete di solidarietà che ci apre al concetto di "Città aperta" sotto l'identità di un marchio qualitativo di alto profilo"


"Il Parco dei Nebrodi si pone come nodo centrale del Piano strategico – spiega il commissario Straordinario del Parco, Antonio Ceraolo - orientati non solo alla tutela ambientale, ma si proietta anche a un turismo eco sostenibile aperto a tutti, per trasmettere la propria cultura dell'area protetta anche ai comuni fuori dal Parco.


Tra gli obiettivi del progetto vi è anche la certificazione ambientale per il riconoscimento dell'alta qualità della vita sui Nebrodi".

Nessun commento:

Via Medici - P.zza Vittorio Emanuele

Via Medici - P.zza Vittorio Emanuele

Via Medici - P.zza Vittorio Emanuele

Via Medici - P.zza Vittorio Emanuele

Il Porto

Il Porto